martedì, Agosto 16, 2022
HomeEsteroAmnesty. In Iran amputate le dita ad un condannato per furto. E’...

Amnesty. In Iran amputate le dita ad un condannato per furto. E’ accaduto almeno 131 volte dal 2000 ad oggi


AgenPress – Amnesty International può confermare che le autorità iraniane hanno utilizzato una macchina a ghigliottina per amputare le dita di un uomo condannato per furto il 27 luglio 2022. Pouya Torabi, sulla trentina, è stato trasferito d’urgenza in ospedale subito dopo che gli sono state tagliate le dita alla presenza di diversi funzionari e di un medico nella prigione di Evin a Teheran.

Meno di due mesi fa, il 31 maggio, le autorità iraniane hanno amputato anche le dita di Sayed Barat Hosseini, senza fargli anestetico. Da allora è stato imprigionato in isolamento nella prigione di Evin e gli è stata negata un’adeguata assistenza sanitaria mentale e fisica per le infezioni e i traumi subiti dopo l’amputazione.

L’amputazione è una tortura sanzionata dal giudice e, quindi, un crimine ai sensi del diritto internazionale. (Diana Eltahawy, vicedirettore per il Medio Oriente e il Nord Africa).

“Queste amputazioni sono manifestazioni particolarmente strazianti del disprezzo delle autorità iraniane per i diritti umani e la dignità. L’amputazione è una tortura sanzionata dalla magistratura e, pertanto, un crimine ai sensi del diritto internazionale, e tutti coloro che sono stati coinvolti nell’ordinare o nell’attuazione di queste punizioni corporali dovrebbero essere perseguiti in processi equi”, ha affermato Diana Eltahawy, vicedirettore di Amnesty International per il Medio Oriente e Nord Africa.

“Al momento almeno altri otto prigionieri in Iran rischiano l’amputazione delle dita. Con l’impunità diffusa in Iran, sempre più persone saranno soggette a questa punizione indicibilmente crudele a meno che la comunità internazionale non agisca. Chiediamo a tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite di condannare con forza e fare tutto quanto in loro potere per fare pressione sulle autorità iraniane affinché aboliscano immediatamente le punizioni corporali. Esortiamo inoltre tutti gli stati ad esercitare la giurisdizione universale per indagare e perseguire penalmente i funzionari iraniani sospettati di responsabilità penale per tali crimini ai sensi del diritto internazionale”.

Con l’impunità diffusa in Iran, sempre più persone saranno soggette a questa punizione indicibilmente crudele a meno che la comunità internazionale non agisca. (Diana Eltahawy)

Pouya Torabi e Sayed Barat Hosseini sono stati condannati all’amputazione in casi separati circa tre anni fa dopo che i tribunali penali di Semnan e Kermanshah, rispettivamente, li avevano condannati per furto. Secondo una fonte informata intervistata da Amnesty International, entrambe le sentenze di amputazione sono state eseguite in una clinica all’interno del carcere di Evin alla presenza di più funzionari, tra cui il procuratore di Teheran, il procuratore associato (dadyar) del carcere di Evin, il giudice che sovrintende all’attuazione di condanne nella prigione di Evin, il capo della prigione di Evin e il medico capo della clinica medica della prigione.

La stessa fonte ha detto ad Amnesty International che prima di amputare le dita di Sayed Barat Hosseini, le autorità gli avevano detto che poteva pagare per “congelare” le dita e poi farle riattaccare chirurgicamente. Sayed Barat Hosseini non aveva i soldi per pagare questo.

Dopo essersi tagliato le dita, Sayed Barat Hosseini ha perso immediatamente conoscenza a causa della perdita di sangue e del forte dolore ed è stato trasferito in un ospedale fuori dal carcere. È stato riportato in prigione tre giorni dopo, prima che si fosse ripreso dal suo calvario, e le sue ferite si sono infettate. Dopo settimane in cui le erano state negate cure adeguate, a metà luglio è seguito un altro viaggio in ospedale, ma è stato riportato in prigione lo stesso giorno. Da allora è stato tenuto in isolamento nella prigione di Evin senza contatti con il mondo esterno, nel tentativo di impedire che emergano notizie della sua punizione e dell’attuale malattia.

Sia Sayed Barat Hosseini che Pouya Torabi sono stati trasferiti a Evin dalle carceri provinciali per l’esecuzione delle loro condanne all’amputazione. Ad aprile è stata installata a Evin una speciale macchina a ghigliottina per centralizzare l’esecuzione delle sentenze di amputazione emesse in tutto il paese.

Le vittime delle amputazioni giudiziarie in Iran provengono per la maggior parte da ambienti poveri e non hanno una rappresentanza legale di loro scelta. È estremamente difficile per le vittime e le loro famiglie avvisare le organizzazioni per i diritti umani e i media di amputazioni incombenti a causa delle minacce di rappresaglia da parte delle autorità iraniane, che impongono il silenzio e la segretezza sull’imposizione e l’esecuzione delle sentenze di amputazione.

Amnesty International rinnova i suoi appelli alle autorità iraniane ad abolire immediatamente, nella legge e nella pratica, ogni forma di punizione corporale. Devono fermare tutte le amputazioni pianificate e garantire a Pouya Torabi, Sayed Barat Hosseini e tutte le altre vittime dell’amputazione giudiziaria l’accesso a rimedi efficaci e riparazione per i danni subiti, compresa la restituzione, il risarcimento e la riabilitazione.

Nel giugno 2022, Amnesty International ha avvertito che le autorità iraniane si stavano preparando ad amputare le dita di altri otto uomini, tra cui Hadi Rostami, Mehdi Sharfian e Mehdi Shahivand.

Secondo l’Abdorrahman Boroumand Centre, dal gennaio 2000 le autorità iraniane hanno amputato le dita di almeno 131 uomini.

Punizioni corporali crudeli e disumane costituiscono tortura, vietata dall’articolo 7 del Patto internazionale sui diritti civili e politici (ICCPR), di cui l’Iran è uno Stato parte. Nonostante ciò, il codice penale islamico iraniano prevede varie punizioni corporali che equivalgono a tortura, tra cui l’amputazione, la fustigazione, l’accecamento, la crocifissione e la lapidazione.

L’articolo Amnesty. In Iran amputate le dita ad un condannato per furto. E’ accaduto almeno 131 volte dal 2000 ad oggi proviene da Agenpress.



Source link

- Advertisment -spot_img

articoli piu' letti