martedì, Agosto 16, 2022
HomeDmytro KulebaL’Ucraina nega l’attacco alla prigione del Donbass. Kuleba accusa la Russia di un “barbaro...

L’Ucraina nega l’attacco alla prigione del Donbass. Kuleba accusa la Russia di un “barbaro crimine di guerra”


AgenPress – Le forze armate ucraine hanno negato di essere responsabili di un attacco missilistico contro una prigione nel Donbas occupato dai russi in cui Mosca ha affermato che 40 prigionieri ucraini sono stati uccisi.

L’esercito ucraino ha aggiunto che le affermazioni secondo cui i prigionieri sarebbero stati uccisi durante i bombardamenti erano concepite per nascondere il fatto che gli uomini erano stati “torturati e assassinati”. Il ministro degli Esteri del Paese, Dymtro Kuleba, ha accusato la Russia di un “barbaro crimine di guerra”.

“La Russia ha commesso un altro crimine di guerra agghiacciante bombardando una struttura correttiva nell’Olenivka occupata dove erano detenuti prigionieri di guerra ucraini. Invito tutti i partner a condannare fermamente questa brutale violazione del diritto umanitario internazionale e a riconoscere la Russia come uno Stato terrorista”.

La smentita ucraina segue un’affermazione venerdì precedente da parte del ministero della Difesa russo e delle sedicenti forze separatiste sostenute dalla Russia secondo cui l’Ucraina aveva colpito una prigione a Olenivka con razzi Himars di fabbricazione statunitense.

“Un attacco missilistico del sistema missilistico a lancio multiplo di fabbricazione statunitense (Himars) è stato effettuato su un centro di detenzione preventiva nell’area dell’insediamento di Olenivka, dove si trovano prigionieri di guerra militari ucraini, compresi i combattenti del battaglione Azov in corso”, ha affermato il ministero della Difesa nel suo briefing quotidiano.

Da parte sua, l’Ucraina ha accusato le forze russe di aver deliberatamente bombardato la prigione nell’ambito di una “guerra dell’informazione per accusare le forze armate ucraine di bombardare le infrastrutture civili e la popolazione per nascondere la propria azione sleale”.

Il filmato trasmesso dalla televisione russa che si dice provenisse dalla scena della prigione mostrava personale militare che esaminava un edificio con un buco nel tetto, metallo aggrovigliato da letti a castello e tracce di sangue tra gli effetti personali. Altre immagini mostravano corpi carbonizzati e arti smembrati.

Olenivka si trova a circa 10 km a sud di Donetsk occupata e vicino alla linea del fronte. Stabilire la responsabilità, tuttavia, potrebbe essere molto impegnativo senza un accesso indipendente al sito.

Secondo i rapporti, le truppe ucraine erano tra quelle fatte prigioniere dopo i feroci combattimenti per il porto marittimo ucraino Azov di Mariupol, dove si sono rintanate per mesi nel complesso dell’acciaieria Azovstal.

Il reggimento Azov e altre unità ucraine hanno difeso l’acciaieria per quasi tre mesi, aggrappandosi al suo labirinto sotterraneo di tunnel. Si sono arresi a maggio sotto gli implacabili attacchi russi da terra, mare e aria.

Decine di soldati ucraini sono stati portati in prigioni nelle aree controllate dalla Russia come Donetsk, un’area separatista nell’Ucraina orientale gestita dalle autorità separatiste sostenute dalla Russia.

Alcuni sono tornati in Ucraina nell’ambito degli scambi di prigionieri con la Russia, ma le famiglie di altri non hanno idea se i loro cari siano vivi o se torneranno mai a casa.

I video sollevano ancora una volta seri interrogativi sul trattamento riservato dalla Russia ai prigionieri ucraini dopo che sono emerse precedenti accuse sull’omicidio di nove uomini a Bucha e affermazioni diffuse da parte di gruppi per i diritti umani di gravi violazioni dei diritti umani tra cui tortura, scomparsa e omicidi extragiudiziali.

L’articolo L’Ucraina nega l’attacco alla prigione del Donbass. Kuleba accusa la Russia di un “barbaro crimine di guerra” proviene da Agenpress.



Source link

- Advertisment -spot_img

articoli piu' letti